[home]  [celebrazioni]  [casa del tibet]  [mappa]  [link]

 

Preghiera del Dalai Lama

Parole di verità

"Budda e Santi e discepoli di tutte le epoche, con qualità infinite come l’immensità dell’oceano, che sentite tutti gli esseri come vostri figli, per favore, udite i miei lamenti tormentati e sinceri; esseri umili che soffrono tormenti senza fine, totalmente oppressi da azioni e pensieri negativi, trovino pace le loro paure: guerra, fame, malattia, così da ispirare un oceano di pace e di gioia!

Popolo devoto, nel paese delle nevi, distrutto in mille modi, senza pietà, da orde barbare sorte dall’oscurità, possa la compassione fermare il tuo sangue e le tue lacrime; popoli crudeli, bisognosi di compassione, resi folli dalla delusione, che distruggono se stessi e gli altri, date loro gli occhi della saggezza per capire cosa fare in un glorioso stato di amicizia e di amore disinteressato! Questo è l’augurio per la libertà del Tibet attesa da così tanto tempo.

O protettore, ti prego, veglia su di loro che hanno subito enormi sofferenze, sacrificando le loro vite ed i loro averi per la nazione, il popolo, la religione. O protettore Cerensig, invocato da tutti i Budda e Bodhisattva, affinché abbracci interamente la terra delle nevi, possano apparire presto buone cose attraverso le tue preghiere, con la compassione dei "tre gioielli" e le parole di verità, possa questa preghiera non avere ostacoli ed essere esaudita".

Tenzin Gyatzo

Traduzione in lingua italiana di una preghiera, importantissima per i buddisti e tutti i tibetani, scritta dal Dalai Lama nel 1960, e recentemente musicata e interpretata dalla cantante Ivana Spagna.

 

 

 

[home]  [celebrazioni]  [casa del tibet]  [mappa]  [link]